domenica 5 febbraio 2012

Critica letteraria economa: Luna? Sì, ci siamo andati! Di Paolo Attivissimo

Confessiamolo: tutti ne conosciamo almeno uno. Il collega d'ufficio, l'amico d'infanzia, il parente.

Insomma, alzi la mano chi non ha sentito dal vivo almeno una volta la frase: "Lo sbarco sulla Luna? Tutta un'invenzione degli americani, l'hanno fatto ad Hollywood!".

Ecco, vi propongo un regalo per queste persone: il libro "Luna? Sì, ci siamo andati!" di Paolo Attivissimo. Già che ci siete, però, vi consiglio in primo luogo di leggerlo voi.

Mentre in TV ci propinano millemila puntate di Boyager con gli argomenti più disparati ed assurdi, e la ERI pubblica un libro che ci delizia con particolari inediti sui fotoni (e fino al 1990 ha mandato in stampa Il Milione a cura di Maria Bellonci! Il Milione, capito? Quando ci siamo ridotti così?), Paolo Attivissimo ha elaborato un testo ben scritto, divertente, agile, divulgativo nel modo giusto: se L'Economa è in grado di capire alla prima lettura alcuni particolari tecnici delle missioni Apollo, ragazzi, allora chi scrive ci sa veramente fare!

Il testo è strutturato in sezioni tematiche che smontano tutte le varie ipotesi di complotto lunare, dalla mancanza delle stelle in cielo alla bandiera che (non) sventola, dalle volute di polvere ai dialoghi degli astronauti; l'ultimo capitolo è una vera chicca, con curiosità varie sugli avvenimenti che hanno caratterizzato gli sbarchi.

Nella pagina che vi ho linkato ci sono anche le modalità di acquisto del volume; io vi consiglio di comperarlo durante una delle conferenze di Paolo Attivissimo. Sono vivaci, ben documentate, interessantissime (e ve lo dice una che di conferenze e conferenzieri ha una certa pratica), tanto che ad un certo punto di quella a cui abbiamo assistito, il Radioamatore ha posto una domanda (lui è un pochino meno esuberante della sottoscritta).

Ah, se parlando di questo libro uscisse fuori una storia riguardo ad una pazza vestita da ballerina brasiliana, io non ne so nulla.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento